Investire in immobili in Italia: com’è andato il 2019

Investire in immobili in Italia: com’è andato il 2019 e previsioni

Secondo alcune rilevazioni  di Capital Market Italia crescono gli investimenti Real Estate in Italia.
Gli investimenti nei primi 9 mesi dell’anno 2019 hanno raggiunto quota 7,1 miliardi di euro, in crescita di circa il 40% rispetto allo stesso periodo del 2018. I capitali investiti sono prevalentemente non domestici, soprattutto europei. Le previsioni degli uffici studi e ricerche dei principali player delineano un trend favorevole che proseguirà anche nell’ultimo trimestre; il 2019 dovrebbe chiudersi toccando quota 12 miliardi di euro, registrando una performance particolarmente positiva.
L’ottima performance del 2019 mostra una particolare attenzione da parte degli investitori per il settore alberghi e uffici.
Milano, diventata un vero e proprio brand, è la prima scelta non solo per gli immobili direzionali, ma anche per gli hotel a vocazione business anche se l’offerta è decisamente limitata.
Il resto d’Italia, con le tante località turistiche marittime e montane, oltre alle varie città d’arte, in primis Roma e Firenze, offre comunque allettanti opportunità a chi vuole investire nell’alberghiero.
Sta crescendo inoltre l’interesse per l’asset class residenziale, soprattutto in versione multi-family, ovvero co-housing, student housing e senior living, in linea con i nuovi comportamenti e di vita.

I settori in cui conviene investire nel real estate

Sono due i settori che si sono distinti da gennaio a settembre 2019: gli uffici hanno assorbito il 34% del volume investito, pari a 2,5 miliardi, seguiti, a breve distanza, dall’alberghiero con il 33% (2,3 miliardi). Gli investimenti in hotel hanno particolarmente brillato nei primi nove mesi, triplicando i volumi rispetto allo stesso periodo del 2018.

Milano continua ad essere la città preferita sul mercato, chiamata sempre più a giocare un ruolo di primissimo piano nel mercato internazionale, al pari di altre città europee come Londra, Parigi e Monaco.

Il retail, con investimenti di circa 1,4 miliardi di euro, pari al 20%, sta facendo i conti con la riorganizzazione dell’offerta commerciale dettata dalla sfida digitale. Nel terzo trimestre il settore ha registrato comunque un ottimo risultato, grazie a una mega operazione che ha riguardato il comparto degli outlet center.

fonte: www.idealista.it

Condividi:

Articoli recenti

Co Working e impatto ambientale

Gli spazi di coworking ovviano al problema degli svantaggi del lavoro da casa, fornendo uno spazio ed una serie di servizi che rendono il lavoro agevole, ma contemporaneamente anche stimolante e più attivo dal punto di vista relazionale.

CEDOLARE SECCA 2022

La cedolare secca è un regime semplificato che si può applicare in caso di locazione a privati e da parte di privati, escludendo quindi gli

Il Museo della Scienza di Roma al quartiere Flaminio

Al via il concorso internazionale di progettazione per il Museo della Scienza di Roma al quartiere Flaminio. Un area di circa 20.000 mq nel cuore del Flaminio che contribuisce a rilanciare il quartiere secondo la sua vocazione di polo museale artistico e architettonico di Roma

Richiesta informazioni

Open chat
1
Bisogno di Aiuto ?
Salve
Possiamo esserti utili ?

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy

Alcuni contenuti e funzionalità  sono bloccati dalle  tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “%SERVICE_NAME%” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, si prega di abilitare i cookie: clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.