Casa Girasole di Luigi Moretti (1949-50)

A Roma in Viale Bruno Buozzi 64 si trova questa iconica palazzina realizzata dall’Arch. Luigi Moretti (1906-1973) seguendo un criterio che rompe lo schema costruttivo di questo tessuto edilizio dei Parioli, irrompendo con un episodio urbano del tutto singolare.

Una fenditura verticale taglia letteralmente la lastra della facciata facendo giungere la ricerca di Moretti, fortemente caratterizzata e risolta in misurate articolazioni plastiche del volume, alla sua fase più matura.

Lo schema formale determinato dalla profonda incisione verticale, consente di illuminare i pianerottoli di accesso agli alloggi e si dilata in corrispondenza dell’atrio di ingresso.

L’incisione che raggiunge il corpo scala centrale alla quota di accesso da strada, suddivide nettamente in due parti il prospetto frontale, determinando un asse di simmetria relativo solo al prospetto centrale, nei corpi aggettanti dei piani tipo, perché sia la conformazione del basamento, rivestito in travertino, piu ampio nella parte destra, che quella del coronamento (a diverse quote nelle parti inclinate) tendono a rompere questa simmetria.

La superfice della facciata viene ritmata dall’alternarsi delle fasce dei marcapiani e delle grandi superfici vetrate corrispondenti agli spazi living delle abitazioni.

I fianchi dell’edificio, al contrario, appaiono increspati dai volumi obliqui, attraverso i quali le camere da letto tendono a raggiungere la migliore esposizione.

Al di sopra dei 3 piani tipo, con due alloggi per piano, l’attico presenta un solo grande alloggio ed un superattico con alloggio ridotto e arretrato rispetto al fronte principale. Di particolare interesse risulta il corpo scala che aggetta sulla corte interna, sospeso ad un unico pilastro rastremato.

( Piero Ostilio Rossi, Roma guida all’architettura moderna 1909 – 2011 )

Confronta Strutture

Confronta
Open chat
1
Bisogno di Aiuto ?
Salve
Possiamo esserti utili ?